LG
MD
SM
XS
Risultato della ricerca per la parola chiave:

 

MarketinGeek
12 Febbraio 2015
La festa degli innamorati, tra diamanti etici e cioccolatini personalizzati

Il 14 febbraio la fetta occidentale del pianeta si presta a vivere uno degli eventi che da tempo immemore vanta un certo spessore commerciale: San Valentino.

La corsa commerciale per conquistare i cuori dei consumatori è giunta a pieno regime.

Per cui eccoli sbucare dai più diversi settori e affaccendarsi per conquistare il cuore degli innamorati e non solo. In primis l’industria cinematografica, in particolare la Universal Picture, che ha strategicamente deciso di fissare per oggi l’uscita di “50 sfumature di grigio”, pellicola tratta dall’omonimo libro di E. L. James, che oltre a scatenare la libido delle casalinghe solitarie porterà in sala numerose coppiette ardenti. Sempre in occasione della fatidica data sono pensati i gadget bondage e i sex toys marchiati con il logo del libro. Un’idea che ha avuto anche un effetto boomerang per l’autrice, considerando che a pochi giorni dall’uscita del film, la fan Tania Warchol della California le ha fatto causa perché il lubrificante “Come alive pleasure gel for her” non era all’altezza delle aspettative.

Spot sportivo invece per Victoria’s Secret che ha presentato il video promozionale di San Valentino in occasione del Super Bowl. Le algide modelle infatti vestono i panni dei giocatori di football, rivelando la loro identità solo alla fine. 


Dolce e romantica la scelta di Interflora con il spot “Odd Love”, ideato dall’agenzia danese Brandhouse e diretto da Lasse Frank, che racconta la genuinità dell’amore tra due studenti aldilà delle apparenti diversità. 

M&M’s non si è lasciata sfuggire l’occasione di proporre un cofanetto apposito con tanto di possibilità di personalizzare i colorati confetti al cioccolato, un’idea già collaudata per matrimoni e compleanni.

Come dimenticare il gioiello, dono d’eccellenza della sacralità materiale dell’amore. Francesco Belloni, titolare della gioielleria Belloni di Milano, ha dato un contributo innovativo all’evento proponendo il gioiello etico, ovvero realizzato senza il prezzo della sofferenza delle persone o dell’ambiente. La sua linea è stata battezzata “Ethical Diamond”, creata con l’acquisto di diamanti delle miniere del Canada che aderiscono al “Canadian Diamond Code of Conduct” e sui quali viene incisa una fogliolina d’acero e un numero di serie. Sulla stessa idea è stata lanciata anche la gamma “Ethical Gold”, oro equo e solidale proveniente da miniere del Sud America di proprietà dei minatori stessi e di aziende a conduzione familiare.

Anello brillante e coscienza pulita.

Autore: Silvia Galluzzi
Inserito il: 12 Febbraio 2015
I più letti
Copertina
LIKESTYLE è un marchio:

www.minds360.com

Scrivi alla redazione:
redazione@likestyle.it
T. +39.0423.1990461

Privacy Policy
Informativa sui Cookie
Powered by Getfast®