LG
MD
SM
XS
Risultato della ricerca per la parola chiave:

 

MarketinGeek
25 Gennaio 2015
Sotto il vestito... la lingerie!

Sempre più numerosi i marchi che si dedicano all’intimo e sempre più alta l’attenzione verso questo settore.

Il babydoll di seta che sostituisce il pigiamone con gli orsetti, il bustino con il pizzo per le occasioni speciali e tutta la linea di slip e reggiseni abbinati per colori che prendono il sopravvento nel nostro armadio.

L’intimo è un settore tutt’altro che marginale. Secondo quanto emerso da una ricerca sul 2014 promossa dalle associazioni dei commercianti, gli italiani per l’abbigliamento spendono in media 1200 euro, dei quali il 30 %, ovvero circa 360 euro, è destinato all’intimo. A conferma di questo anche i dati dell’ITA (Italian Trade Agency) secondo i quali a livello mondiale il mercato della lingerie e derivati vale circa 50 miliardi di euro, con la Francia in testa per consumo, con un budget  di 2,7 miliardi di euro di spesa per l’intimo, seguita da Germania, Regno Unito e Italia (quarto posto con 2 miliardi di spesa).

Ovviamente sono le donne le principali consumatrici, ma le deduzioni non sono così ovvie visto che il successo di questo settore è probabilmente dovuto proprio alla molteplicità dell’offerta e alla bravura di alcuni marchi di puntare su target molto molto precisi. E’ il caso del brand californiano Andrew Christian, pensato per il mercato omosessuale.

Dal 24 al 26 gennaio si svolgerà a Parigi il Salon International de la Lingerie, al quale saranno presenti 480 espositori. 70 i nuovi marchi, a conferma della crescita del settore. 55 i brand italiani di cui 12 saranno presenti per la prima volta all’evento. Debutteranno infatti al Salone: il marchio italiano Buccia di Mela, Guess lingerie, i turchi Blackspade, le griffe francesi pensate per le adolescenti Les Fées de Filles e l’atteso marchio Heidi Klum Intimates. Anche in questo caso le aree saranno molto specifiche: prodotti  per le donne incinta (come Royce Lingerie), lingerie postoperatoria e i segmenti lanciati di recente, ovvero l’uomo e i collant (Golden Lady, Falke, Kunert).

E in tema di intimo come non citare i grandi marchi glamour come Agent Provocateur, che per la campagna 2015 ha scelto le forme vertiginose della venere nera Naomi Campbell, o Victoria’s Secret, che ha visto la cantante pop country Taylor Swift esibirsi all’ultima sfilata mentre le celebri Angels incedevano come amazzoni sulla passerella.

Autore: Silvia Galluzzi
Inserito il: 25 Gennaio 2015
I più letti
Copertina
LIKESTYLE è un marchio:

www.minds360.com

Scrivi alla redazione:
redazione@likestyle.it
T. +39.0423.1990461

Privacy Policy
Informativa sui Cookie
Powered by Getfast®